Ricordi dell’evento “Moby Litter” ad Ancona

Nel giorno in cui la città di Ancona sta attraversando un momento difficile, a causa del grave incendio che si è tenuto nell’area portuale questa notte, con le inevitabili conseguenze ambientali, desideriamo ricordare come messaggio di buon auspicio un evento positivo legato alla salvaguardia dell’ambiente,  “Moby Litter, the future we don’t want”, avvenuto proprio ad Ancona il 26 giugno scorso, presso il Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente dell’Università Politecnica delle Marche.

All’evento avevano partecipato anche alcune docenti di scienze naturali della nostra scuola, le professoresse Nadia Bianchi e Francesca Leoni.  

L’incontro, incentrato sul problema dell’inquinamento da plastiche in mare, era stato anche l’occasione per inaugurare Moby Litter, uno scheletro metallico di balena donato dalle aziende anconetane  Garbage Group e cantiere navalmeccanico CPN, che col tempo sarà riempito di plastiche raccolte sulle spiagge dalle scuole e che è stato collocato nei giardini dell’università.

Al workshop erano presenti esponenti della ricerca scientifica europea, con le Mission di “Horizon Europe”, le principali associazioni ambientaliste (Marevivo, Greenpeace e Legambiente) ed alcune aziende leader nel disinquinamento, riutilizzo ed uso sostenibile della plastica.

Durante l’inaugurazione, le  docenti di scienze naturali del nostro liceo avevano posto nella balena, in maniera simbolica, le plastiche raccolte dagli alunni delle attuali classi 4°AS e 4°CS il 19 febbraio 2020, nell’ambito del piano lauree scientifiche svolto con i ricercatori del Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente e durante l’attività di pulizia della spiaggia.

Moby Litter, che può contenere fino a 4 metri cubi di rifiuti, è un “elemento iconografico” che rammenta a tutti noi l’importanza  della ricerca scientifica e della sensibilizzazione degli studenti sulle tematiche ambientali.

Trovi la notizia anche nella pagina Instagram liceodavincijesi.official